mercoledì 17 luglio 2013

SOAVE CLASSICO (2012) - BOLLA



I vitigni utilizzati per il soave sono la garganega e il trebbiano di soave, con i suoi grappoli spargoli e come bruciati dal sole che crescono su terreni di origine vulcanica e ricchi di minerali.

All'aspetto è giallo paglierino scarico con riflessi verdolini.
Lo metto al naso: si percepiscono subito le note fruttate e floreali su tutto la pera e la mela mature ma possiede anche una spiccata mineralità.
In bocca è pieno, fresco ed ha una buona salinità. Finale abbastanza lungo e piacevolmente amandorlato.
Nel complesso è un vino equilibrato, con una perfetta corrispondenza tra naso e bocca.
Insomma non è certo il vino della vita ma un buon prodotto per accompagnare i piatti di tutti i giorni.

Nessun commento:

Posta un commento