martedì 2 febbraio 2016

La singolare storia di Clarabella e dei suoi Franciacorta

Franciacorta Saten di Clarabella

A mio parere è sempre utile quando si assaggia un vino fare lo sforzo di conoscere la storia dell'azienda che lo produce, ancora di più se quest'ultima ha una storia unica come Cascina Clarabella che nasce nel 1990 come consorzio di cooperative sociali e onlus che si occupano del recupero di persone con problemi psichiatrici attraverso il loro inserimento attivo nel lavoro.
Momento fondamentale e di svolta, almeno per la parte che ci interessa di più in questo blog, è il 2002, anno nel quale viene creata una cooperativa agricola a Cà de Ple, tra Iseo e Cortefranca, ristrutturando e poi utilizzando una vecchia cascina grazie a vari contributi.
All'inizio nella cascina si praticava solamente una agricoltura di base, poi si è passati alla produzione di miele e alla viticoltura, anche grazie ad Aldo Papetti, un giovane enologo operatore del consorzio che pensò bene di impiantare Chardonnay e Pinot nero.
Nell'anno 2007 si ha la prima commercializzazione di bottiglie Franciacorta e fin dall'inizio la scelta è improntata verso una agricoltura biologica rispettosa dell'ambiente.
Oggi Cascina Clarabella può contare su 11 ettari vitati, tre Docg metodo classico, un Curtefranca e due Terre di Franciacorta, ma soprattutto in questi anni sono iniziati ad arrivare premi e riconoscimenti dalle principali guide di settore, cosa che ha fatto impennare la visibilità di Cascina Clarabella e rendere un punto di riferimento in Franciacorta, anche grazie ad un rapporto qualità-prezzo molto competitivo.
Il Brut in particolare è stato premiato dal Gambero Rosso come uno dei migliori Metodo Classico d'Italia, mentre Slow Wine lo ha premiato come 'Vino slow 2014'; e questi riconoscimenti non possono che fare sinceramente piacere vista la particolarità di questa azienda e la sua storia così singolare.

Io ho avuto la possibilità di assaggiare il Saten con il suo colore giallo paglierino brillante, il naso fine, più elegante che esuberante, con importante presenza agrumata e bel bouquet floreale.
Sul palato si percepiscono piacevoli bollicine finissime, con un gusto pieno e giustamente morbido, ma anche fresco, sapido e dinamico.
Un ottimo Franciacorta Saten e anche se personalmente preferisco i Nature, questo prodotto di Clarabella mi ha impressionato per i suoi profumi eleganti e per il gusto piacevolmente ricercato.





Nessun commento:

Posta un commento