martedì 27 ottobre 2015

Chianti Colli Senesi Docg (2013) - Tenute del Cerro

Chianti Colli Senesi di Tenute del Cerro

Comunque la si pensi la Toscana del vino vanta oggettivamente il primato enologico italiano per volume d'affari e per quantità di esportazione all'estero, grazie ad un mix di territorio, microclima, vitigni e non ultimo il modo di interpretare tutti questi fattori da parte di produttori lungimiranti, in grado di sfruttare adeguatamente la positiva immagine della regione Toscana nel mondo.



All'interno del variegato panorama di doc e docg della regione, il Chianti rappresenta un caso emblematico di successo conquistato sul territorio e di storia plurisecolare, considerando che se ne parlava già dal 1398.

Il Chianti prevede ben 7 sottozone tra cui troviamo Colli Aretini, Colli Fiorentini, Colline Pisane, Colli Senesi, Montalbano, Montespertoli e Rufina.
Le differenze riguardano soprattutto i terreni, che risultano tendenzialmente più argillosi al sud e più calcarei a nord.
Volendo semplificare il Chianti delle sottozone Colli Aretini, Colline Pisane, Colli Senesi e Montalbano è più fruttato, fresco e leggero (anche come gradazione alcolica), mentre nelle altre sottozone e in particolare nel Chianti Rufina il vino è più strutturato e longevo e si avvicina di più a quello prodotto nella zona Classica.

L'introduzione mi serviva per ripassare quanto già studiato al tempo del corso Ais e prima di assaggiare il Chianti dei Colli Senesi, annata 2013 di Tenute del Cerro, che come ho già avuto modo di parlarne (http://baccanera88.blogspot.it/2015/05/montefalco-rosso-doc-2011-tenute-del.html) appartiene al Gruppo Unipol.
Senza voler esagerare nelle lodi, questo vino è di una semplicità e bevibilità quasi disarmante.
Dal colore rubino molto classico, si passa ad un olfatto nitido e fine, con semplici note di amarena e ribes, con una leggera intrusione speziata.
Ha un sapore giovanile, tannini vellutati e piacevoli, ben sostenuti dall'acidità e bilanciati dalla spinta di un alcol fine e ben dosato.
Un vino ben fatto ma dal piccolo prezzo (poco più di 5 euro in enoteca).




Nessun commento:

Posta un commento