martedì 8 maggio 2018

Il Tagliamare brut di Argiolas da uve Nuragus




E’ chiaro che lo sforzo della maggior parte delle aziende viticole italiane sia quello di completare il più possibile la gamma di prodotti a disposizione, al fine di offrire alla clientela una più ampia scelta possibile.

Tuttavia a chi beve e si interessa di vino dovrebbe essere altrettanto chiaro che non sempre lo sforzo di allargare la gamma dei prodotti da dei buoni risultati.

Personalmente ricordo con particolare orrore certe grappe di pluripremiati produttori di Barolo piemontesi, come del resto alcuni spumanti di Pinot nero siciliani o ancora improbabili passiti da un po’ tutte le regioni italiane ecc.

Avevo questo in mente quando l’amico Chef Fabrice ha messo in tavola questo Brut di uve Nuragus, seppure parzialmente tranquillizzato dall’azienda che lo produce, quell’Argiolas che può essere considerata una garanzia di livello medio alto nel panorama enologico sardo.

Il Tagliamare è un brut metodo Charmat, molto piacevole e sincero, tutt’altro che beverino, di buona eleganza nei profumi, dalla spiccata identità con il territorio sardo, corredato da una freschezza piacevole.

Nel complesso il Tagliamare è un prodotto semplice ma intrigante che ha permesso la rinascita di un vitigno storico come il Nuragus.



Nessun commento:

Posta un commento