martedì 24 ottobre 2017

La Barbera di Ada Nada a Treiso



Siamo a Treiso, un piccolo borgo di poche anime non lontano da Alba e da Barbaresco.
Dovunque ci si trovi il paesaggio è sempre quello immutabile e riposante di filari e filari di vigne a perdita d’occhio che tappezzano con il suo manto rossiccio le dolci colline delle Langhe.

E’ un sabato mattina tardi e la foschia, che non ci ha mai del tutto abbandonato durante il viaggio da Milano, si sta finalmente diradando per lasciare il passo ad un sole autunnale poco convinto di poter ancora riscaldare.
Invece, complice un insolito periodo di prolungata siccità per questo periodo dell’anno, solitamente carico di piogge, la temperatura sta progressivamente salendo e siamo invogliati a rimanere in maniche di camicia.

Nel nostro peregrinare tra cantine conosciute e storiche del territorio, ci imbattiamo in una diramazione della provinciale che porta a Pertinace. La strada diventa un viottolo quasi asfaltato per sbaglio, dove a fatica ci passa una macchina, circondato da vigne sulla destra e da arbusti per impilati sulla sinistra.
Dopo uno stretto passaggio tra case semi diroccate e uno stretto tornante che degrada dolcemente, si arriva ad un bivio in località Rombone, dove prendendo la strada di destra che sale dolcemente, si arriva al agriturismo con annessa cantina di Ada Nada.

Snobbiamo l’agriturismo e ci dirigiamo senza indugio nella cantina, ubicata in una cascina settecentesca, dove si trovano in bella vista botti di rovere di varie dimensioni utilizzare per le barriques del barbaresco e di qualche altro vino.

La produzione totale si aggira intorno alle 45.000 bottiglie l’anno, di cui la parte preponderante tocca al Barbaresco. Del resto siamo nella sua patria di elezione e anche altri produttori della zona, ad esempio Rizzi che abbiamo poi visitato nel pomeriggio, puntano decisi verso il Barbaresco.

Ma mentre di Barbaresco vi parleremo in un’altra occasione, ci ha molto impressionato la Barbera d’Alba Pierin, che cresce su terreni marnosi e leggermente argillosi di origine marina.
Siamo intorno ai 250-300 metri di altitudine con esposizione ottimale a sud, sud-est.

Dopo la vendemmia il mosto rimane a contatto con le bucce per circa 7 giorni; successivamente, dopo una pressatura soffice e l’affinamento in acciaio dove il vino svolge la malolattica, viene travasato in botti di rovere per circa 12 mesi, dove conclude l’affinamento prima di essere filtrato e posto in bottiglia.
La produzione è limitata alle 6.000 bottiglie per un prodotto che si potrebbe definire poco più che artigianale.

Il naso, inizialmente incentrato su note piacevoli e fruttate, lascia presto il posto ad un avvincente sentore di frutta nera e pepe nero, per poi virare su un finale minerale, ma con sempre in sottofondo una concessione di frutta più e meno matura.
In bocca l’attacco è deciso, ben centrato, il sorso saporito, piacevolmente balsamico, con buona trama tannica e finale lungo e caratterizzante, con una leggerissima scia di polvere di cacao che rimane a lungo sul palato.

A livello tecnico è una Barbera ben fatta, che riesce a coniugare una naturale semplicità con una completezza di beva e un equilibrio invidiabili.

Lo assaggiamo una sera con un hamburger di fassona, pomodori e insalata dell'orto, formaggio e bacon alla piastra, dove si dimostra in grado di reggere bene un piatto non propriamente semplicissimo nella sua struttura.




Nessun commento:

Posta un commento