domenica 17 gennaio 2016

La Segreta Sicilia Doc (2014) - Planeta

La Segreta di Planeta

Negli ultimi tempi, complici alcuni amici appassionati di vini piemontesi, ho trascurato i prodotti di altre regioni italiane, come la Sicilia.
Così nel mio girare tra enoteche e piccoli supermercati in cerca di prodotti che non ho mai bevuto, mi sono lasciato coinvolgere da quell'istinto all'acquisto tipico di chi si trova a scegliere tra un discreto numero di bottiglie senza una idea precisa e ho deciso di acquistare un vino siciliano di cui conosco molto bene il produttore ma non il vino in questione.
La Segreta nasce nella Sicilia occidentale (Menfi) sulle dolci colline dell'entroterra, in una delle numerose proprietà sparse sull'isola su cui Planeta ha saputo investire e crescere costantemente anno dopo anno.

La tenuta si chiama Dispensa, nucleo storico di Planeta, circondata da 160 ettari di vigneto, distribuito su un terreno brullo e in parte pianeggiante con grigie colline in lontananza a formare un semicerchio a protezione di Menfi con le sue case basse e chiare, le palme a ricordare le estati calde e siccitose.
In campagna le stradine sono strette e non asfaltate, mentre i vigneti sono talvolta interrotti da campi non coltivati e case rare e sparse.

La Segreta è un vino fresco e giovane che non manca di una sua personalità distintiva grazie alla sapiente contaminazione di una piccola percentuale di Cabernet franc che dona vigore e una piacevole rusticità, poi Merlot e Syrah che ammorbidiscono e addolciscono la territorialità distintiva del Nero d'Avola.
Un vino giovane e profumato, complesso e moderno, studiato per piacere al grande pubblico.
Al naso contiene una nota di grafite, poi peperone verde oltre ad un sottofondo di pepe nero, tabacco e frutta fresca rossa.
In bocca ha tannini molto morbidi, struttura piena e un alcol che si percepisce sul finale e che sbilancia leggermente il vino verso i toni caldi e morbidi.

E' un vino legato alla tradizione enoica siciliana attraverso il Nero d'Avola e al contempo con uno sguardo al futuro, grazie al blend di vitigni internazionali attentamente studiato e interpretato in chiave moderna.



Nessun commento:

Posta un commento