mercoledì 8 marzo 2017

La qualità assoluta del Pinot Bianco e del Sauvignon di Nals Margreid


Il bello di avere amici sommelier è che quando organizzano una cena di compleanno prestano dannatamente attenzione al vino e al suo abbinamento, diversamente di quanto succede agli amici che il vino non lo conoscono o non lo sanno apprezzare, dove è facile ritrovare in abbinamento a dell'ottimo cibo delle tristi bottiglie scelte un po' a caso.
E' una sera di inizio febbraio fredda e piovosa, quando mi dirigo verso il ristorante prescelto da Camillo per la cena di compleanno, una via laterale molto tranquilla, tanto che non sembra neanche di essere a Milano.
Dentro l'atmosfera è calda e cordiale e abbiamo una sala praticamente a nostra disposizione.
Il menù è attentamente studiato in modo da abbinare piatti a base di pesce dall'ottima materia prima ed dall'eccellente preparazione ai vini di prima qualità.
Si parte con uno bianco francese spumantizzato per l'abbinamento con un variegato e nutrito antipasto.

Il Cremant d'Alsace di Frederic Arbogast et Fils, nella versione Brut, è un vino estremamente eclettico, che alterna sentori di lievito e di pasticceria secca a note floreali di fiori di campo quasi esuberanti.
In bocca le bollicine finissime solleticano il palato che si sostiene in un delicato equilibrio tra una spiccata freschezza e una insistente nota di spezie dolci.

Per quanto riguarda l'abbinamento con un primo piatto di ravioli burro e salvia e con un secondo piatto semplice e delicato come il branzino al sale con contorno di verdure varie, è stato scelto un produttore di cui vale la pena soffermarsi per citarne i contorni.
Nals Margreid è una cooperativa di 138 viticoltori che coltivano complessivamente 160 ettari di terreno che si estendono da Nalles, fra Bolzano e Merano, dove si trovano i terreni più settentrionali, fino a Magrè, nella parte meridionale della Bassa Atesina.
Terreni che spaziano dai conoidi alluvionali carcarei, ai suoli porfidici e morenici, roccia primitiva di marmo, greiss e mica.
La variegata distribuzione dei terreni, sia per latitudine che per altitudine, consentono alla cantina di poter contare su un'ottima varietà morfologica di terroir a disposizione.
La filosofia aziendale, che si può riscontrare anche nei vini assaggiati, parla di un vino che viene naturalmente atteso senza inutili forzature e con una esasperata ricerca della qualità in vigna.
Anche il microclima è abbastanza variegato, grazie ad una altitudine che può variare tra i 200 e i 900 metri, con la protezione dell'arco alpino a nord e gli influssi mediterranei a sud, con forti sbalzi termini tra il giorno e la notte.


Con il primo piatto sopracitato è stato abbinato il Sauvignon Mantele, che nasce su suoli composti da accumulazioni ghiaiose e porfidiche, con una varietà minerale e un clima mite particolarmente indicati per la coltivazione del Sauvignon.
Il Mantele ha una piacevolezza aromatica precisa e ben distinta, con il classico sentore di pipi di gatto in primis, poi si fanno largo intensi accenni di pompelmo, ananas, pietra bagnata, muschio e sambuco.
In bocca spicca una persistente sapidità unita a piacevolezza del sorso, equilibrio complessivo e struttura adeguata, con perfetta corrispondenza con il naso.
Nel complesso uno dei migliori sauvignon che ho assaggiato negli ultimi tempi.


Con la delicatezza e la leggera tendenza dolce del branzino al sale il sauvignon non sarebbe stato adatto; quindi l'amico Camillo ha giustamente optato per un più austero Pinot bianco, vino dalle innumerevoli sfaccettature.
Le uve utilizzate per Pinot Bianco Sirmian sono a maturazione tardiva e coltivate sui pendii di Nalles.
Gli acini staccati dal grappolo, piccoli e concentrati, danno origine ad un vino grintoso e fresco, con una acidità elegante, aromi di mela, agrumi e fiori di campo, mentre sul palato sono apprezzabili la delicatezza unite ad un palato succoso e invitante, oltre ad una sorprendente profondità su un finale con sfumature torbate.
E' il classico vino la cui bottiglia finisce in un battibaleno.

Due ottime prove per un produttore che mi sento di consigliare.

NALS MARGREID
Via Heiligenberger, 2
Nalles (BZ)
www.kellerei.it

Nessun commento:

Posta un commento